Orazio Toschi (1887-1972)

 

Orazio Toschi nasce a Lugo di Romagna, provincia di Ravenna, il 27 Dicembre 1887.

A Faenza frequenta contemporaneamente al Ginnasio la Scuola di disegno e plastica del Maestro A.Berti, uno degli ultimi macchiaioli. Si diploma presso l'Accademia di B.A. di Ravenna e fa parte del Cenacolo di Domenico Baccarini.

Dopo vari trasferimenti in tutta Italia, si stabilisce definitivamente (nel 1938) a Firenze dove farà parte dell'Accademia Fiorentina delle Arti e del Disegno fondata da Michelangelo.

Rivela la sua personalità artistica nella Mostra Internazionale di Faenza del 1908 ottenendo il primo premio e nella sua prima Personale a Roma (1918) dove figurano opere così decisamente di avanguardia che nel 1919 viene invitato da Marinetti alla Mostra Futurista di Milano.

La sua attività artistica è largamente documentata dalla sua partecipazione alle principali mostre collettive e dalle numerosissime personali in Italia e all'estero. Le sue opere sono state acquistate dai principali musei di tutta Italia e anche all'estero.

Hanno scritto di lui molti tra i maggiori critici italiani del '900 ed è stato lui stesso scrittore d'arte e collaboratore editoriale.

L'opera più recente sull'arte di Orazio Toschi é la monografia biografica Il pittore e la sua anima. Autoritratto senza specchio di Orazio Toschi, a cura di Cecilia Daddi Pistolesi, prefazione di Francesco Adorno, ed. Tools, 1996, Faenza.

La sua morte è avvenuta a Firenze il 4 Luglio 1972.